Dieta Flexitarian

Dieta Flexitarian

La dieta Flexitarian è un regime alimentare particolarmente in voga negli Stati Uniti, ideato da una nutrizionista che basa il proprio pensiero sullo stile di vita vegetariano.

Rispetto ad una normale vegetariana, la dieta Flexitarian risulta però decisamente più flessibile: introducendo alcune fasi di libero arbitrio in cui poter consumare prodotti a proprio piacimento (ovviamente facendo attenzione al quantitativo calorico assunto) non si sacrificano i gusti personali dell'individuo e la fase di dimagrimento è molto più sopportabile.

I prodotti biologici sono un fattore piuttosto importante e se vi è la possibilità di optare per una loro variante, è estremamente consigliato farlo in modo da non privare il proprio quadro alimentare di elementi essenziali come carne, pesce e latticini.

Frutta e verdura sono alimenti principi nella dieta Flexitarian, onnipresenti nei pasti principali e caratterizzati da una discreta varietà: oltre a questo non viene proibito del tutto nessun alimento, permettendo di non rinunciare alle proprie abitudini limitando le dosi.

Per rientrare nei canoni della dieta basterà non superare l'apporto calorico proposto, pari a circa 1300 calorie giornaliere.

La perdita di peso è proporzionale al periodo di dimagrimento, non promettendo miracoli ma attestandosi su un ottimo rapporto di 3-4 chili per ogni mese: non è quindi un regime alimentare a breve termine, ed allo stesso modo non presenta particolari squilibri.

Oltre che risultare ottima in casi di ipertensione e problemi cardiovascolari, la Flexitarian è una dieta dai criteri generalizzati ed adatta quindi a qualsiasi persona, a prescindere da fattori come età e predisposizione biologica.

Infine, ecco un esempio di quadro alimentare consigliato:

Colazione: 200 ml di latte scremato con due fette biscottate
Spuntino: un vasetto di yogurt magro
Pranzo: tagliatelle al tofu, insalata di lattuga, una mela
Merenda: un frutto
Cena: riso con piselli, 200 g di zucchine lessate, 25 g di pane, 150 g di uva