Nutrienti: approfondimento 2

Carboidrati.Continua la serie di approfondimenti in merito ai nutrienti fondamentali e le loro funzioni.

Come accennato in precedenza, vi è una moltitudine di nutrienti diversi e non tutti provvedono alle medesime funzioni: come nel caso di carboidrati e grassi vi è un diretto approccio con quello che viene definito apporto calorico giornaliero, mentre fibre e vitamine svolgono un ruolo indiretto e più legato a funzioni metaboliche.

Per distinguere le due categorie vi è una particolare denominazione.

Nei macronutrienti rientrano quindi quegli elementi fondamentali che oltre ad avere una determinata funzione svolgono anche un ruolo attivo nel fabbisogno energetico: non per questo vanno sottovalutati i nutrienti che non rientrano in questa categoria, in quanto pur non avendo a che fare con il quantitativo di energia apportato al proprio organismo hanno comunque un ruolo chiave per quanto riguarda il mantenimento di un naturale equilibrio della flora intestinale e la prevenzione dello stato di salute.

I carboidrati vengono rintracciati principalmente in prodotti di origine vegetale: se da una parte è facile trovare zuccheri semplici in alimenti come frutta e verdura, dall'altra possiamo fare affidamento a legumi cereali per ottenerne un discreto quantitativo di amidi.

Da ricordare che lo zucchero semplice della frutta è considerato un nutriente a se stante e definito col nome di fruttosio.

Ironicamente, l'assunzione di una tipologia di carboidrati in forma eccessiva finisce col penalizzare l'altra: un ingente quantitativo di zuccheri semplici può infatti complicare il processo di assimilazione degli amidi (o carboidrati complessi) inducendo a rischi non indifferenti fra cui annoveriamo obesità, forme tumorali, demenza progressiva e malattie di carattere cardiovascolare.

Gli zuccheri semplici sono infine introdotti nella propria alimentazione anche da prodotti che generalmente non rientrano nel quadro di una normale dieta dimagrante come ad esempio dolci, torte e biscotti: viene consigliato di limitare l'assunzione di questi alimenti per non sovraccaricare le riserve di zuccheri e di conseguenza accumulare adipe in eccesso.